RFRED

IL BLOG

LogoBSC11
GOBBI1
logo225
LEFOGLIE1
BFSSX150.PNG

 

 

IN PISTA CON RF

 

23 LUGLIO MISANO  FULL

​5 AGOSTO TAZIO NUVOLARI

18 AGOSTO IMOLA FULL

3 SETTEMRE MUGELLO

24 SETTEMBRE CREMONA 

​9-10-11 NOVEMBRE ALMERIA

 

 

PER INFO 3935636044

 

 

unnamed1
duccini
LELESSX
WhatsAppImage2018-04-03at11.00.18.jpeg
logo2
ABCCCCCC.PNG
D.F.GROUPHomewebsitoincostruzione1
FRUTTI
logo
Senzanome
logo-techok
04/11/2017, 14:00



GARA--1-QUATAR-


 REA IL DOMINATORE




per rivedere gara 1

Jonathan Rea domina Gara 1 a Losail e centra la quindicesima vittoria stagionale nel round conclusivo del mondiale Superbike. Il pilota Kawasaki regala alla casa giapponese il primo successo di sempre sul circuito qatariota al termine di una gara dominata fin dal via. Alle sue spalle la Ducati di Chaz Davies, che si guadagna il secondo posto mondiale in solitaria a +10 da Sykes (6°). Sul podio anche l’altra Panigale di Marco Melandri.
Jonathan si conferma dunque il solito cannibale: dominio in tutti e tre i turni di libere, dominio in Superpole e successo senza storia in Gara 1. Un trionfo che tiene viva la possibilità di infrangere il record di punti in una singola stagione, che dal 2002 appartiene a Colin Edwards (552). Il nordirlandese è a quota 531, con un’altra vittoria sabato in Gara 2 sarebbe storia. Nel frattempo, ha staccato Troy Bayliss per numero di gare vinte (53), il record assoluto di Fogarty (59) è sempre più vicino.Se per la vittoria del titolo la questione è già chiusa da tempo, resta viva la battaglia per il secondo posto alle spalle di Johnny. Il primo round è andato alla Ducati di Davies, capace di una splendida rimonta dopo il deludentissimo 8° posto in qualifica: il gallese ha regolato il suo diretto rivale Tom Sykes, arrivato solamente 6° al termine di una gara piuttosto anonima, chiusa alle spalle delle ottime Aprilia di Laverty e Savadori. All’inglese resta Gara 2 per provare a tornare davanti a Chaz e completare la doppietta iridata della Kawasaki.Marco Melandri può festeggiare il tredicesimo podio stagionale, arrivato dopo una corsa tutt’altro che semplice e anche grazie a qualche "disgrazia" altrui. Sfortunatissima, infatti, la gara di Alex Lowes, caduto addirittura due volte e alla fine costretto a ritirarsi, nonostante un avvio molto promettente in cui sembrava assolutamente in grado di battagliare con i migliori (Johnny a parte). Caduta anche per il compagno di team Van der Mark.
Destino simile a quello di Lowes per Xavi Forés, rientrato ai box per un problema tecnico alla sua Ducati quando stava dando del filo da torcere alle due Panigale ufficiali nelle primissime posizioni. In top 10 chiudono così la BMW di Torres, la Kawasaki del team Puccetti di Guintoli, la MV Agusta di Camier e la Kawasaki del team Go Eleven di Ramos. Ritirati Giugliano (Honda), Andreozzi (Yamaha) e De Rosa (con l’altra BMW del team Althea).



1
Create a website